PRESTAZIONE OCCASIONALE 2021: HAI I REQUISITI PER EVITARE L’APERTURA DELLA PARTITA IVA?

1. Introduzione

Hai avviato un’attività o sei in procinto di avviarla, ma non sei sicuro di voler aprire una partita iva? Niente paura, vedremo insieme tutti i requisiti attualmente richiesti per la prestazione occasionale. 

Vuoi ricevere news ed approfondimenti quotidiani a tema fiscale?

2. PRESTAZIONE OCCASIONALE: COS’E’ E CHI NE USUFRUISCE

Partiamo col dire che la prestazione occasionale non deve essere vista come un modo per non pagare le imposte o i contributi previdenziali. La prestazione occasionale è un sistema di lavoro che può essere scelto in caso di avvio di attività, quando i ricavi non sono ancora certi o elevati, o in caso di attività parallela ad un lavoro dipendente di diverso genere. 

A scegliere questa tipologia di lavoro sono soprattutto i liberi professionisti, per evitare i costi di gestione della partita Iva, la sua apertura è dunque un passaggio che viene fatto in un secondo momento, quando l’attività effettivamente è sufficientemente redditizia. 

Attenzione però: non tutte le categorie possono usufruirne, vedremo più avanti l’esempio delle attività di e-commerce.

3. PRESTAZIONE OCCASIONALE: DUE TIPOLOGIE

Quando si parla di prestazione occasionale è necessario fare la distinzione tra due categorie:

  • lavoro autonomo occasionale
  • lavoro occasionale accessorio

Vedremo ora nello specifico di cosa si tratta:

Lavoro autonomo occasionale: è proprio dei liberi professionisti che non hanno l’obbligo di iscriversi a Albo o Ordine professionale e che svolgono l’attività, appunto, occasionalmente. 

Ad esempio: un procacciatore d’affari occasionale o una consulenza occasionale. 

Il pagamento avverrà al rilascio di una ricevuta da parte del lavoratore.

Lavoro occasionale accessorio: si tratta di una tipologia di lavoro subordinato non continuativo. 

Ad esempio: un rider o un cameriere “a chiamata”.

Per il pagamento, il committente potrà avvalersi dei nuovi buoni lavoro. 

A seconda del committente sarà possibile utilizzare:

  • il Libretto Famiglia
  • il PrestO

In questa sede ci occuperemo del “lavoro autonomo occasionale”, ricordando che per quanto riguarda alcuni aspetti non ci sono differenze tra le due tipologie appena citate. 

4. PRESTAZIONE OCCASIONALE:  REQUISITI E ESENZIONI

Requisiti

I requisiti per poter operare in “prestazione occasionale” sono rimasti invariati anche per questo 2021: 

  • l’attività lavorativa deve essere occasionale, saltuaria o di ridotta entità
  • non deve essere un’attività professionale (non possono svolgere prestazione occasionale alcuni professionisti iscritti a Albo o Ordine Professionale)
  • non deve esserci coordinazione della prestazione, ovvero l’attività non dovrà svolgersi presso la sede del committente o nell’ambito del suo ciclo produttivo
  • compensi complessivi non superiori ai 5mila € lordi, superati i quali si può procedere o con un contratto di lavoro o con l’apertura di una partita iva

Esenzioni

Come detto in precedenza l’aspetto che fa propendere per la prestazione occasionale è che i ricavi dell’attività sono tutti esenti da imposizione fiscale. Cosa significa? Che il lavoratore non sarà tenuto né a pagare l’IRPEF, né a versare i contributi previdenziali. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e quali siano le soglie:

  • IRPEF per essere esentati dal versamento di questa imposta sarà necessario avere come unico reddito quello da prestazione occasionale con un reddito annuo non superiore a 4.800€ lordi. Se è stata applicata la ritenuta d’acconto in una o più ricevute, questa potrà essere usata a compensazione per il pagamento di altre imposte (ad esempio l’IMU). Altrimenti sarà possibile richiedere un rimborso del credito spettante.
  • INPS: una volta superata la soglia dei 5mila € lordi sarà necessaria l’iscrizione alla Gestione Separata INPS. Essendo un adempimento che spetta al datore di lavoro è necessario che il lavoratore comunichi per tempo il superamento della soglia per evitare ritardi nella procedura di iscrizione e relative sanzioni. Si andrà quindi a pagare sulla base dell’eccedenza dei 5mila €. Nel dettaglio: il lavoratore, dovrà comunicare per tempo al committente che andrà a superare la soglia dei 5mila € e sarà lo stesso datore di lavoro ad occuparsi dell’iscrizione del lavoratore all’INPS, procedendo con il versamento dei contributi con le seguenti percentuali: 1/3 a carico del lavoratore (con trattenuta nella ricevuta) e 2/3 a carico del committente. 

5. PRESTAZIONE OCCASIONALE: IL CONTRATTO

Avere un rapporto di prestazione occasionale non significa non avere un regolare contratto. Anche se nella maggior parte dei casi si regola tutto con accordi verbali, è possibile, e auspicabile, redigere un contratto firmato dalle parti (privati o aziende), per evitare spiacevoli inconvenienti in sede di riscossione del compenso. 

Il contratto dovrà riportare:

  • la descrizione dell’attività che si andrà a svolgere, compresi tempi e modalità
  • compenso, compresa la scadenza del pagamento
  • modalità di rescissione del contratto

6. PRESTAZIONE OCCASIONALE: LA RICEVUTA

Il lavoratore, portato a termine l’incarico e riscosso il compenso, è tenuto a rilasciare una ricevuta non fiscale che ha valore di “quietanza di pagamento”.

La ricevuta, redatta su un semplice foglio ciclostilato, dovrà riportare i seguenti dati:

  • dati anagrafici del lavoratore
  • dati anagrafici del committente
  • data di emissione e numero progressivo della ricevuta (quella del giorno in cui è viene ricevuto il compenso)
  • compenso lordo concordato
  • eventuale ritenuta d’acconto del 20% del compenso lordo se il committente è un “sostituto d’imposta”
  • compenso netto
  • marca da bollo da 2€ se il compenso supera i 77,47€ (la data della marca da bollo deve essere di almeno un giorno antecedente a quella di emissione della ricevuta)

Nota Bene: si intendono “sostituti d’imposta”:

  • imprese e professionisti che applicano il regime ordinario o ordinario in contabilità semplificata
  • società di persone e di capitali
  • associazioni ed enti di ogni tipo
  • condomini (nel caso ad esempio di attività di amministratore di condominio in prestazione occasionale)

7. PRESTAZIONE OCCASIONALE: VENDITE ONLINE

Attenzione, anche se sporadica, la vendita di prodotti online non potrà usufruire della forma della “prestazione occasionale”. Si tratta, infatti, di attività di tipo commerciale e non professionale. Sarà però possibile emettere ricevuta non fiscale di vendita qualora si trattasse di un’attività non continuativa nel tempo. 

Richiedi una consulenza gratuita

Se non sei sicuro di essere nella posizione di poter avvalerti della prestazione occasionale come datore di lavoro o come lavoratore, richiedi una consulenza gratuita allo staff di Myaccounting.it. I nostri consulenti saranno in grado di darti tutte le risposte del caso aiutandoti nella scelta più giusta.

Veronica Boggian

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

CLICCA SUL BOTTONE E RICHIEDI LA CONSULENZA GRATUITA CON UN ESPERTO MYACCOUNTING.IT!