PROFESSIONE YOUTBER 

Come restare in regola con il Fisco

Tra le professioni digitali più famose vi è sicuramente quella dello YouTuber, apparentemente semplice, dal momento che chiunque può caricare un video sulla piattaforma, ma solo in pochi riescono a farne un lavoro e diventare così veri professionisti.

Con questo articolo vorrei concentrarmi sulla parte fiscale di tale professione e fare chiarezza sulle centinaia di nozioni sparse sul web. 

Quando si passa dal semplice divertimento a fare impresa?

Non tutti sanno che l’attività di YouTuber, se svolto in modo professionale, permette di poter guadagnare e trasformare una passione in vero e proprio lavoro autonomo con tutte le conseguenze fiscali e tributarie che ne comporta.

Prima di poter parlare della parte fiscale però è giusto fare una premessa su cosa sia YouTube.

INDICE DEGLI ARGOMENTI TRATTATI

1.  Cosa è Youtube

2. Youtube & Adsense

3. Lo Youtuber è un Libero Professionista?

4. Regime Forfettario e Start Up

5. Vuoi aprire partita iva?

1. COSA E’ YOUTUBE

YouTube è una piattaforma online di contenuti video dove ogni utente può liberamente iscriversi e caricare dei video che saranno visibili in tutto il mondo. Essendo parte di Google, si serve del serivizo AdSense che permette di monetizzare i video, ossia permette da un lato alle aziende di ottenere visibilità inserendo della pubblicità nei video degli utenti, e dall’altra di dare una piccola ricompensa allo YouTuber sulla base del numero di visualizzazioni.

2. YOUTUBE & ADSENSE

Accettare le condizioni di AdSense significa aderire ad una campagna di affiliazione pubblicitaria; dunque la definizione di prestazione occasionale potrebbe racchiudere il tutto, ma non è così semplice.

Non ci sono limiti quantitativi per l’apertura della partita iva, non esiste nessun tetto massimo di 5000€, di cui più volte se ne sente parlare in rete, se non ai fini previdenziali, ovvero se si supera questo limite c’è l’obbligo d’iscrizione alla Gestione Separata INPS.

Se si decide di iniziare a guadagnare dal proprio canale, aderendo cosi ad AdSense, si dovrà aprire una partita iva, dal momento che si sta svolgendo un’attività di impresa, cioè che genera ricavi, e per essere in regola con il fisco deve essere dichiarata. L’attività dello YouTuber, quindi, non può configurarsi come una prestazione occasionale perché è svolta in modo continuativo dato che i video sono online 365 giorni l’anno, ed è quindi necessario possedere la partita iva e ottemperare a tutti gli obblighi che ne conseguono.

3. LO YOUTUBER E’ UN LIBERO PROFESSIONISTA?

Anche se lo YouTuber non è legalmente inquadrato in nessuna categoria, generalmente appartiene a quella dei professionisti e non a quella dei commercianti, questo perché non effettua nessuna intermediazione e nessuna vendita di un bene o servizio on-line, ma genera dei ricavi tramite i propri contenuti pubblicati sulla piattaforma YouTube. Naturalmente se nel corso dell’attività vorrà vendere beni o servizi, come ad esempio video corsi, allora sarà necessaria l’iscrizione presso la Camera di Commercio e quindi inquadrato nella categoria dei commercianti, comportando così delle differenze sulla parte fiscale e contributiva.

La differenza tra professionista e commerciante, in regime ordinario, è sostanzialmente legata alla quantificazione delle imposte e al calcolo dei contributi INPS.

Infatti i commercianti pagano annualmente circa 3.800€ di contributi INPS, suddivisi in 4 rate, più una quota variabile in base al reddito. Mentre per i professionisti non esiste nessun obbligo di versamento se non una quota variabile che è all’incirca il 25% dei compensi.

Risorsa 1

SEI UNO YOUTUBER E VUOI APRIRE PARTITA IVA?

4. REGIME FORFETTARIO E START UP

Da come osservato, dal momento che l’inquadramento è frutto di un’analisi dell’attività svolta, nella fase di start-up sarebbe consigliabile aderire al regime dei professionisti in modo da poter usufruire di un’agevolazione sul versamento dei contributi e solo successivamente, se necessario, passare all’inquadramento dei commercianti.

Inoltre, all’apertura della partita iva bisognerà scegliere anche a quale regime fiscale aderire: se quello forfettario o quello ordinario. Se non viene costituita una società e si è certi di non superare i 65.000€ di compensi annui, allora si potrà optare per il regime forfettario, che in fase di start-up offre numerose agevolazioni fiscali.

Le tasse da versare nel regime forfettario, a differenza dell’ordinario, si calcolano in modo molto più semplice: basta applicare il coefficiente di redditività, che per l’attività di YouTuber è pari al 78%, al fatturato realizzato nell’anno, e sulla differenza calcolare l’imposta da versare che è pari al 15% o al 5% per i primi 5 anni.

Dunque, dal momento che gli YouTuber non sono iscritti ad alcun albo e non hanno una cassa, dovranno aderire alla Gestione Separata INPS che permetterà loro di pagare i propri Contributi in percentuale sul reddito, che all’incirca del 25%.

5. VUOI APRIRE PARTITA IVA?

Se vuoi avviare il tuo canale YouTube ed essere in regola con il fisco puoi chiederci una consulenza e raccontaci la tua attività, potendoti così consigliare qual è la forma migliore per la tua impresa.

ma_LOGO_transp 

 

SEI UNO YOUTUBER E VUOI APRIRE PARTITA IVA?

VUOI APRIRE UNA PARTITA IVA?

Richiedi subito una prima consulenza GRATUITA

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi