FASE 3: SPOSTAMENTI LIBERI IN TUTTA ITALIA MA CON LIMITAZIONI IN ALCUNE REGIONI ED ISOLE

FASE 3: SPOSTAMENTI LIBERI IN TUTTA ITALIA MA CON LIMITAZIONI IN ALCUNE REGIONI ED ISOLE

1. Introduzione

Col tempo le restrizioni agli spostamenti si sono allentate; la fase 2 sta per chiudersi per lasciare spazio all’avvio della fase 3.
Piano piano stiamo tornando alla normalità: sarà possibile spostarsi liberamente tra una regione e l’altra, ma con specifiche regole:
• ripartono le linee ferroviarie, da quella di Milano Centrale a Roma Termini, dove il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli ha anticipato che verranno installati i termoscanner automatici, in modo da accelerare i tempi di misurazione;
• restano i controlli in alcune regioni del centro Sud e nelle Isole. Vediamoli nel dettaglio.

 

 2. Sardegna: l’app SardegnaSicura

È stato introdotto l’obbligo di registrazione per chi fa ingresso sull’isola, nonché l’obbligo di compilare un questionario che traccia anche gli eventuali spostamenti interni. Una copia della ricevuta di registrazione dovrà essere allegata alla carta d’imbarco e al documento d’identità.
• Fino al 12 giugno il modulo sarà esclusivamente cartaceo. Potrà essere compilato manualmente anche a bordo e dovrà essere consegnato una volta giunti a destinazione al presidio medico sanitario del porto o dell’aeroporto.
• Dal 13 giugno sarà possibile effettuare la registrazione online mediante apposito modulo scaricabile dalla piattaforma SUS (Sportello unico dei servizi) oppure tramite l’applicazione SardegnaSicura disponibile negli AppStore per i sistemi iOS e Android.
Tutti i passeggeri inoltre verranno sottoposti alla misurazione della temperatura corporea e dovranno compilare la cosiddetta “scheda di ricerca” in cui annotare le possibili pregresse infezioni anche da Covid-19.
Per controbilanciare questi obblighi, chi arriverà sull’isola con i risultati di un tampone o di un test avrà un buono di importo pari alla spesa da utilizzare sull’isola per visite culturali.
Dal 13 giugno saranno ripristinati i collegamenti aerei con tutti gli aeroporti nazionali e dal 25 giugno i voli internazionali, purché l’andamento della curva epidemiologica lo consenta.

 

3. Puglia: il modello di autosegnalazione

Il presidente della Regione Michele Emiliano ha emanato un’ordinanza in cui dispone che dal 3 giugno 2020 tutte le persone fisiche che faranno ingresso in Puglia per qualsiasi motivo, da altre regioni o dall’estero, con mezzi di trasporto pubblici o privati dovranno compilare il modello di auto-segnalazione disponibile sul sito istituzionale della Regione Puglia; nonché dichiarare il luogo di provenienza ed il comune in cui soggiornano.
Non sono tenuti alla compilazione del predetto documento coloro che si spostano per esigenze lavorative, per motivi di salute, per ragioni di assoluta urgenza.

4. Sicilia: l’app Sicilia Si Cura

In Sicilia è stata introdotta l’app “Sicilia Si Cura” con lo scopo di monitorare gli ingressi sull’isola, nonché di assistere i turisti in caso di bisogno.
Chi arriverà in Sicilia potrà scaricare l’app ed inserire, in maniera facoltativa, i dati personali sul proprio stato di salute, sugli spostamenti ed eventuali casi di Covid-19 in famiglia. Sarà possibile anche segnalare se si hanno sintomi febbrili e in tal caso i medici della nuova Unità sanitaria turistica che riceveranno la comunicazione potranno intervenire tempestivamente. Il presidente della Regione Nello Musumeci ha ribadito la non obbligatorietà dell’app e pertanto la non sanzionabilità per chi non la scarica.

5. Campania: l’obbligo di misurazione della temperatura corporea prima del viaggio

In base all’ordinanza firmata dal presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca fino al 15 giugno, in aeroporto o in stazione, i viaggiatori provenienti da linee interregionali dovranno sottoporsi alla rilevazione della temperatura corporea. Qualora la temperatura risulti pari o superiore a 37,5 gradi, dovranno altresì sottoporsi a test rapido Covid-19 ed eventuale tampone.

6. Lazio: la misurazione della temperatura e il “drive in sanitario”

Nel Lazio sono previsti controlli su treni, aerei e navi, con misurazione della temperatura sia all’arrivo sia all’imbarco.
• Chi al momento dell’imbarco avrà una temperatura corporea superiore a 37,5 gradi, non potrà lasciare la città;
• Chi invece all’arrivo a Roma avrà una temperatura superiore ai 37,5 gradi dovrà fare un tampone anche in un “drive in sanitario” della Regione. Qualora il tampone risulti positivo, scatterà la quarantena.

Avv. Marialetizia Polizzi

Risorsa 1

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

RICHIEDI SUBITO LA CONSULENZA GRATUITA CON UN ESPERTO DI MYACCOUNTING.IT!