NUOVO REGIME FORFETTARIO

Il nuovo regime forfettario è un sistema agevolato, realizzato in particolare per l’introduzione di nuove semplificazioni in tema fiscale e in tema di contabilità, rivolto ai contribuenti; introdotto con la Legge di Stabilità, include particolarmente, agevolazioni per le imprese di piccole e/o medie dimensioni.

Il nuovo regime forfettario agevolato è rivolto per tutti i titolari di partita iva che possiedono dei determinati requisiti previsti dalla legge. Ma vediamone insieme i punti salienti:

  • a chi si rivolge

  • requisiti di accesso

  • cause di esclusione

  • calcolo della tassazione

Requisito della novità – tasse al 5% per chi inizia da zero

1) A CHI SI RIVOLGE

Il nuovo regime forfettario agevolato è rivolto per tutti i titolari di partita iva che possiedono dei determinati requisiti previsti dalla legge, in particolare:

  • a chi inizia una nuova attività imprenditoriale e vuole accedere al nuovo regime forfettario;

  • a chi già possiede un’attività imprenditoriale e vuole accedere al nuovo regime regime forfettario agevolate.

Nonostante, il nuovo regime forfettario agevolato offre, appunto, della agevolazioni in materia economico fiscale, non è obbligatorio accedervi.

2) REQUISITI DI ACCESSO

Il nuovo regime forfettario agevolato richiede dei requisiti di accesso predeterminati, che determinano la richiesta d’entrata nel nuovo regime e l’eventuale presenza di alcune condizioni poste in essere.

  • Non aver conseguito ricavi o compensi superiori ad una determinata cifra economica, in relazione a determinati settori di attività economico commerciale:

  1. 25.000 € totali lordi annui per gli artigiani
  2. 50.000 € totali lordi annui per i commercianti
  3. 30.000 € totali lordi annui per i professionisti
  • Non aver pagato dipendenti e/o collaboratori per più di 5.000 €

  • Non aver raggiunto un costo complessivo lordo di beni strumentali di oltre 20.000 €

3) CAUSE DI ESCLUSIONE

Il nuovo regime forfettario agevolato prevede delle casuse di esclusione, che implicano l’accesso a:

  • soggetti che si avvalgono di regimi speciali di iva o di determinazione del reddito, come per impreditori in settori dell’agricoltura, della vendita di tabacchi, dell’editoria o di agenzie viaggi

  • soggetti non residenti in Italia, salvo che producano il 75% del reddito nel nostro Paese e siano residenti in uno stato dell’Unione Europea

  • soggetti che effettuano principalmente cessioni di immobili

  • imprenditori che vogliano richiedere l’entrata al nuovo regime per l’attività corrente, ma partecipino già a società di persone, associazioni professionali ed SRL trasparenti

  • soggetti che hanno superato la soglia di 30.000 € di redditi nell’anno precedente.

4) IL CALCOLO DELLA TASSAZIONE DIPENDE SEMPRE DA QUALE ATTIVITA’ SI DOVREBBE SVOLGERE

La legge in tema di nuovo regime forfettario agevolato, prevede una % diversa da calcolare sui ricavi, sul quale applicare un’imposta predeterminata a seconda del lavoro svolto.

Esempio:

Per i commercianti, si applica l’imposta del 15% (5%) sul 40% dei ricavi: quindi, se i ricavi dovessero essere di 30.000 €, con un coefficiente di redditività del 40% e una base imponibile di 12.000 €, la tasse che dovranno essere pagate verranno calcolate con un’imposta del 15%, vale a dire “TASSE DA PAGARE: 12.000 x 15% = 1800 €”

Per i professionisti, invece, si applica l’imposta del 15% sul 78% dei ricavi: quindi, se i ricavi dovessero essere di 15.000 €, con un coefficiente di redditività del 78% e una base imponibile di 11.700 €, la tasse che dovranno essere pagate verranno calcolate con un’imposta del 15%, vale a dire “TASSE DA PAGARE: 11.700 x 15% = 1775 €”

REQUISITO DELLA NOVITA’ – TASSAZIONE RIDOTTA A 1/3 – 5%

Per poter accedere al requisito della novità del nuovo regime forfettario agevolato, vale a dire poter usufruire delle nuove tassazioni in forma ridotta:

  1. non aver esercitato nel triennio precedente all’inizio dell’attività alcun tipo di attività artistica, professionale o di impresa in forma autonoma;

  2. l’attività non deve essere prosecuzione di altra attività svolta in forma subordinata (salvo i casi di tirocini obbligatori);

  3. qualora si prosegue un’attività imprenditoriale già esistente, i ricavi/compensi non devono superare le soglie di accesso suscritte.

Tutti i requisiti per l’accesso al nuovo regime forfettario agevolato, devono essere verificati, per gli imprenditori in attività su dati basati sull’anno precedente, mentre per chi vuole iniziare una nuova attività imprenditoriale, su dati presunti.

Hai bisogno di un aiuto? Prenota la tua consulenza gratuita qui!

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi