Bonus Bici: tutte le Istruzioni per ottenerlo, con il rischio che si vada verso il Click Day!

BONUS BICI:

TUTTE LE ISTRUZIONI PER OTTENERLO, CON IL RISCHIO CHE SI VADA VERSO IL CLICK DAY!

1. Bonus bici: chi sono i beneficiari?

Un ulteriore contributo previsto dal decreto Rilancio prende il nome di “bonus bici” o “bonus mobilità”.

Si tratta di un contributo erogabile nella cifra massima di 500€, “spendibile” per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, nonché di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, come monopattini, hoverboard e segway. 

Vediamo nel dettaglio tutte le caratteristiche del bonus!

Il bonus bici, come anticipato, consiste in un incentivo di massimo 500€ che potrà essere richiesto solo dai maggiorenni residenti (ma non domiciliati) in:

• Capoluoghi di Regione e Provincia (con un numero di abitanti anche inferiore a 50.000), 

• Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti,

• Comuni delle 14 Città metropolitane: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino, Venezia (con un numero di abitanti anche inferiore a 50.000). 

 

2. Bonus bici: come funziona?

Si potrà usufruire del bonus mobilità attraverso una specifica applicazione web, alla quale sarà possibile accedervi tramite SPID. Si stima che, entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto Rilancio – attuativo del programma “bonus mobilità” – tale applicazione sarà pronta e potrà essere definitivamente utilizzata. 

Come si potrà usufruire del bonus? 

Le modalità di utilizzo sono state divise in due fasi, la prima riguarderà il periodo “ante-vita” dell’applicazione web, la seconda, invece, il periodo “post-vita” dell’applicazione medesima. 

Cosa vuol dire?

1.  Per gli acquisti effettuati dal 4 maggio 2020 fino al giorno di operatività dell’applicazione web, è stato previsto un rimborso del 60% della spesa in favore dell’acquirente. Quest’ultimo, però, dovrà conservare la fattura giustificativa di spesa e allegarla alla domanda di rimborso che presenterà mediante l’applicazione.

2.  Per gli acquisti effettuati dal giorno in cui l’applicazione web diventerà operativa, invece, lo sconto avverrà in maniera diretta: l’acquirente pagherà solo il 40% del costo totale del prodotto o servizio acquistato, sulla base di un buono spesa digitale generato direttamente dall’applicazione, mentre il restante 60% sarà versato direttamente al venditore.

In pratica: 

a) gli interessati all’acquisto dovranno indicare sull’applicazione web il mezzo o il servizio che intendono acquistare, 

b) la piattaforma genererà il buono spesa digitale da consegnare al fornitore autorizzato per ritirare il bene o godere del servizio d’interesse,

c) l’acquirente pagherà il 40% del costo totale al venditore, 

d) il venditore riceverà, successivamente, il rimborso del rimanente 60%.

I buoni spesa andranno utilizzati entro 30 giorni a partire da quando vengono generati, pena il loro annullamento.

Va detto, inoltre, che il bonus ha valenza retroattiva, cioè è valido per gli acquisti effettuati a partire dal 4 maggio 2020, fino al 31 dicembre 2020.

Il bonus mobilità può essere utilizzato anche per acquisti effettuati on-line, sia su siti italiani che stranieri. In ogni caso, per richiedere il rimborso, sarà necessario ottenere una fattura (anche in lingua inglese) che abbia tutte le voci di una fattura italiana. 

3. Bonus bici: cosa si può acquistare?

L’agevolazione prevista dal decreto potrà essere utilizzata per l’acquisto di:

biciclette nuove o usate, sia tradizionali che a pedalata assistita,

handbike nuove o usate,

veicoli nuovi o usati per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, (come monopattini, hoverboard, segway),

servizi di mobilità condivisa a uso individuale (esclusi quelli mediante autovetture). 

Dunque, rientrano nel bonus anche gli abbonamenti ai servizi di bike-sharing e di condivisione dei monopattini elettrici.

4. Bonus bici: si prevede un click day?

Le risorse stanziate dal governo per finanziare questa misura sono, per il 2020, 120 milioni di €

Basteranno?

Come è facilmente pensabile, appena c’è stata la certezza dell’“esistenza” del bonus mobilità, il mercato di bici, monopattini ecc. ha avuta un’impennata non indifferente.

I dubbi già posti dai più, infatti, si concentrano sulla possibile mancanza dei fondi a copertura di tutte le richieste di rimborso spesa che arriveranno, tanto che, lo stesso ministro dell’ambiente Costa, ha già fatto appello ai parlamentari affinché si impegnino ad aumentare le risorse nel percorso di conversione parlamentare del decreto Rilancio.  

E se, per ovviare al problema, si profilasse l’idea di un click day? 

Ciò significherebbe dare inizio ad una corsa senza precedenti al fine di accaparrarsi l’incentivo nel timore che la copertura possa esaurirsi in fretta. 

O magari non sarà un click day! Ma una cosa appare certa.

Se non vi sarà un cambio di rotta, il budget di 120 milioni stanziato in favore del “bonus mobilità” potrebbe esaurirsi velocemente, lasciando molti beneficiari a bocca asciutta!

Se ritieni di poter beneficiare delle agevolazioni previste dal decreto Rilancio, non esitare a chiedere assistenza ad un esperto del settore che possa aiutarti a non commettere errori!

Tieniti aggiornato con MyAccounting.it,e ricorda, per qualsiasi dubbio o incertezza, siamo sempre al tuo fianco!

Ti basta solo prenotare qui la tua consulenza gratuita. 

A presto!

Dott.ssa Adriana Valentino

Risorsa 1

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

RICHIEDI SUBITO LA CONSULENZA GRATUITA CON UN ESPERTO DI MYACCOUNTING.IT!