BONUS SANIFICAZIONE E DPI: CREDITO D’IMPOSTA PARI AL 15% DELLA SPESA!

1. Le novità sul bonus sanificazione e DPI
Il decreto Rilancio del luglio 2020 ha introdotto una importante agevolazione fiscale per tutti quei contribuenti che, durante l’emergenza epidemiologica causata da Covid-19, hanno adottato misure volte all’adeguamento dei luoghi di lavoro, provvedendo all’acquisto dei dispositivi di protezione (come mascherine e guanti monouso) e/o alla sanificazione degli ambienti.
Con il provvedimento del 10 luglio 2020 erano già stati definiti criteri e modalità utili alla fruizione e alla richiesta dei crediti d’imposta.
Con il provvedimento dell’11 settembre, l’Agenzia delle Entrate ha, poi, fornito maggiori informazioni con riguardo al dettaglio relativo al calcolo dell’importo del credito spettante – nonché alle definitive modalità e ai tempi di fruizione del beneficio -.


2. Come calcolare la somma spettante
 
Ad oggi, la misura del credito d’imposta effettivamente utilizzabile da ogni richiedente è pari al 15,64% del totale richiesto, percentuale derivante dal rapporto tra il numero dei soggetti richiedenti il bonus e il limite di spesa fissato dalla legge.
Cosa vuol dire?
Molto semplice: le domande per il bonus sanificazione hanno superato la soglia di spesa stabilita dal Decreto Rilancio in quanto, mentre il totale delle domande corrisponde “in soldoni” a 1.278.578.142 €, le somme stanziate dai governanti sono, invece, pari a 200 milioni di €.
Ecco che la misura del credito effettivamente utilizzabile dal beneficiario del bonus corrisponderà a circa il 15,64% del totale speso.

3. Modalità di utilizzo del beneficio
I richiedenti beneficiari del bonus sanificazione e DPI potranno visualizzare il credito loro spettante nel cassetto fiscale dell’area personale riservata, accessibile attraverso il portale web dell’Agenzia delle Entrate.
Questi ultimi avranno la possibilità di scegliere come utilizzare il credito di imposta, ovvero:
   • direttamente in dichiarazione dei redditi o in compensazione tramite il modello F24,
oppure
   • con il meccanismo della cessione – totale o parziale – del credito ad altri soggetti (compresi istituti di credito o altri intermediari finanziari).
Attenzione! Quest’ultima opzione (e solo essa) dovrà essere esercitata entro il 31 dicembre 2021.

Il contribuente/beneficiario potrà dare comunicazione all’Agenzia delle Entrate delle modalità di utilizzo del credito a partire da lunedì 14 settembre 2020; e qualsiasi sarà l’opzione scelta (dichiarazione/compensazione o cessione a terzi), la richiesta dovrà essere fatta:
   • utilizzando l’apposito modello di comunicazione messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate,
   • esclusivamente in modalità telematica, in prima persona o avvalendosi di un intermediario,
   • utilizzando l’applicativo web dedicato, disponibile in area riservata – Entratel/Fisconline -.

Dott.ssa Adriana Valentino

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?


CLICCA SUL BOTTONE E RICHIEDI LA CONSULENZA GRATUITA CON UN ESPERTO MYACCOUNTING.IT!