MUTUO PRIMA CASA: LO STATO GARANTE PER GLI UNDER 36

1. Introduzione

Aiutare i giovani è il modo migliore per uscire da una crisi che, già prima della pandemia, metteva a rischio lo sviluppo del nostro Paese.

E’ per questo motivo che il Premier Mario Draghi, nel suo intervento alla Camera dei giorni scorsi, ha parlato di una nuova forma di aiuto agli under 36: la possibilità di avere un mutuo per la prima casa al 100%, senza bisogno di alcun anticipo. Una misura che potrebbe entrare in vigore già con il prossimo Decreto Legge.

Vuoi ricevere news ed approfondimenti quotidiani a tema fiscale?

2. MUTUO PRIMA CASA UNDER 36: DI COSA SI TRATTA

L’ipotesi, illustrata dal Premier durante la presentazione del PNRR (Piano Nazionale di Riprese e Resilienza), prevede l’assenza di anticipo da versare alla banca erogatrice del mutuo, con lo Stato che si farà da “garante”. Un incentivo, rivolto agli under 36 per l’acquisto della prima casa, che ha come scopo sostenere una generazione che, a causa di crisi ed incertezza economica, troppo spesso si vede costretta a rinunciare a progetti importanti di costruzione di un futuro anche familiare.

E’ bene precisare che al momento è già presente il “Fondo di garanzia per i mutui per acquisto e ristrutturazione prima casa” (Fondo prima casa) gestito da Consap, che rilascia garanzie a copertura del 50% il mutuo per la prima casa (acquisto o ristrutturazione) con un tetto massimo di 250mila €. La garanzia è prevista per tutti gli immobili, tranne che per quelli di lusso, e per richiedenti senza limiti di reddito e di età (con priorità agli under 36), che non siano già proprietari di abitazioni se non ricevute per successione o in uso gratuito a genitori o fratelli/sorelle.

Le sostanziali differenze con la nuova misura in via di approvazione sono:

  • niente più anticipo per la richiesta di un mutuo per la prima casa con lo Stato come garante
  • agevolazione dedicata esclusivamente agli under 36.

3.  MUTUO PRIMA CASA UNDER 36: APPROVAZIONE E ENTRATA IN VIGORE

L’agevolazione al momento è ancora in via di definizione, ma la sua presentazione alla Camera lascia presagire che sarà approvata già nel prossimo Decreto Imprese (DL Sostegni bis) che arriverà sul tavolo del Consiglio di Ministri nei prossimi giorni.

4. MUTUO PRIMA CASA UNDER 36: LE RISORSE

E’ da sottolineare che al momento risultano ancora da stimare le risorse necessarie all’attuazione della misura. Il Premier ha dato comunque rassicurazione del fatto che le risorse ci saranno perché è sui giovani che si basa la ripartenza, parlando di “altre risorse” che si aggiungeranno a quelle del Fondo Prima Casa.

Da chiarire nel dettaglio anche i termini di erogazione della copertura del 20% che fino ad oggi spettava ai richiedenti.

In conclusione

Questa agevolazione andrà ad inserirsi in un quadro più ampio di aiuti annunciati nel Recovery Plan italiano indirizzati a questa fascia della popolazione. Tra questi anche la costruzione di nuove residenze popolari e l’ampliamento del numero di asili nido sul territorio nazionale. Sono, infine, previsti sostegni al mondo della cultura e dell’istruzione, con la realizzazione di piani di studio più innovativi e in linea con il mercato del lavoro attuale e internazionale.

Veronica Boggian

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

CLICCA SUL BOTTONE E RICHIEDI LA CONSULENZA GRATUITA CON UN ESPERTO MYACCOUNTING.IT!