Regime ordinario e di trasparenza. Guida alla scelta

Conoscere le caratteristiche del regime di tassazione ordinario e di quello di trasparenza è molto importante per scegliere la tipologia più conveniente per la propria azienda. I due regimi fiscali, infatti, sono molto diversi e si applicano con condizioni ben precise, e la scelta di uno o dell’altro può determinare un importante risparmio fiscale.

Alcuni tipi di società sono obbligate ad adottare un regime invece dell’altro e quindi non possono scegliere. In particolare, sono soggette per forza al regime di trasparenza le seguenti categorie:

  • Società di persone (sia snc sia sas)
  • Società di armamento
  • Società di fatto
  • Associazioni senza personalità giuridica per l’esercizio in forma associata di arti e professioni.

Possono però accedervi anche altre categorie di imprese, secondo criteri ben precisi. Ma quale regime conviene di più tra l’ordinario e la trasparenza? Per scoprirlo e sapere come pagare meno tasse è necessario analizzare caratteristiche, vantaggi e svantaggi di entrambi i regimi fiscali.

Regime ordinario: come funziona

Il regime ordinario è il regime fiscale standard per le società di capitali, sia srl sia spa, e per gli enti pubblici e privati assimilabili.

La tassazione ordinaria prevede l’applicazione delle imposte solo sulla società: sul totale degli utili si applicano l’IRES al 24% e l’IRAP al 3,9%. A partire dalla Legge di Bilancio 2018, però, quando la società distribuisce gli utili ai soci, sui dividendi distribuiti si applica una ritenuta fissa del 26%. Se un socio è operativo, inoltre, sul compenso percepito dovrà pagare i contributi INPS per la cassa artigiani e commercianti. Il valore dei dividendi, infine, non rientra nel computo dell’imponibile IRPEF di ciascun socio e non è soggetto ad addizionali regionali e comunali.

Trasparenza fiscale: come funziona

Il regime di trasparenza sposta l’applicazione delle imposte sugli utili della società a carico dei singoli soci invece che della società stessa. Prevede quindi il pagamento della sola IRPEF, con le aliquote progressive standard, oltre ai contributi INPS e all’IRAP. Si applica normalmente alle società di persone e alle altre categorie sopra elencate, ma possono esercitare questa opzione anche società di capitali (srl o spa) che siano situate su suolo italiano e rispettino determinati requisiti.

Le due tipologie di società di capitali che possono accedere al regime di trasparenza fiscale sono:

  • Società di capitali i cui soci sono altre società di capitali
  • Società di capitali i cui soci sono persone fisiche.

In entrambi i casi, però, ci sono ovviamente dei requisiti da rispettare.

Nel primo caso devono sussistere le seguenti condizioni:

  • ogni socio ha una percentuale di voto esercitabile in assemblea;
  • ogni socio deve partecipare agli utili almeno per il 10% e per non più del 50%;
  • i requisiti richiesti devono persistere per tutto il periodo di applicazione della trasparenza fiscale.

Le società di capitali i cui soci sono persone fisiche, invece, devono avere queste caratteristiche:

  • non più di 10 soci (non più di 20 se sono cooperative);
  • ricavi uguali o inferiori a 7,5 milioni di euro;
  • nessuna percentuale minima o massima di partecipazione agli utili
  • mantenimento dei requisiti per tutto il periodo d’imposta a cui si applica la trasparenza.

Le società idonee devono fare richiesta per accedere al regime di trasparenza entro il primo periodo di imposta in cui vogliono applicarlo e l’opzione non sarà revocabile per i successivi 3 anni. Essa però deve esser validata dalla richiesta di ciascuno dei singoli soci che devono comunicare all’azienda la loro volontà di adesione tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

Regime ordinario e di trasparenza: vantaggi e svantaggi

Il principale vantaggio dell’opzione di trasparenza fiscale è che questo regime consente di evitare la doppia imposizione fiscale, prima sulla società e poi sul socio. Poiché il reddito della società viene attribuito a persone fisiche, infatti, l’IRES non si applica. Rimane quindi solo il pagamento dell’IRPEF, che è un’imposta progressiva, a differenza della corrispondente ritenuta del 26% del regime ordinario.

Non solo: con questo regime fiscale è possibile sfruttare crediti di imposta e deduzioni per familiari a carico delle singole persone fisiche su cui ricade il reddito d’impresa. Questo può far risparmiare molto sulle imposte dovute.

Esempio con 150.000€ di utili per 3 soci

Regime ordinario 150.000€ – IRES 24% – IRAP 3,9% = 108.150€ – ritenuta 26% = 80.031€ (escluso INPS)

Trasparenza fiscale 150.000€ – IRAP 3,9% = 144.150€ – IRPEF per ciascun socio (13717,5€x3) = 102.997,5 (escluso INPS)

Da questo esempio risulta più conveniente la trasparenza fiscale. Un possibile svantaggio di questo regime, però, è che se l’utile suddiviso fra i soci è molto alto, è possibile che l’aliquota IRPEF superi l’IRES e la ritenuta al 26%, perdendo qualsiasi margine di guadagno. Perciò è una soluzione vantaggiosa soprattutto se il reddito della società non è troppo alto e/o il numero di soci è alto ed è quindi difficile che l’utile distribuito a ciascuno superi certe soglie. Per lo stesso motivo, perché ci sia un vantaggio è necessario che i soci non abbiano altri redditi elevati che facciano salire l’aliquota IRPEF.

Per di più, con la trasparenza fiscale il reddito dell’impresa è attribuito ai suoi soci sia per quanto riguarda gli utili sia per quanto riguarda le perdite, perciò i soci non sono tutelati e hanno tutta la responsabilità in caso di perdite o mancati pagamenti. Con il regime ordinario, invece, la responsabilità è in capo all’azienda, che resta un soggetto giuridico ben separato dai suoi soci.

Il vantaggio della trasparenza fiscale, inoltre, è effettivo quando l’utile totale dal punto di vista fiscale e l’utile distribuito tendono a coincidere, e quando la società non ha sostanziosi costi indeducibili ai fini IRAP. Spesso, però, un’azienda non distribuisce tutti gli utili ogni anno e utilizza altri strumenti, soggetti a tassazione agevolata, per remunerare i soci: in questo caso può risultare conveniente il regime ordinario. Fare questi calcoli e scegliere il regime fiscale più adatto alla propria azienda fa parte delle azioni di pianificazione fiscale che possono far risparmiare molte tasse.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità?
Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti e le ultime news sulla fiscalità. CLICCA QUI PER ISCRIVERTI!

Se hai bisogno di aiuto con il tuo business, non sai a chi affidare la tua contabilità oppure vuoi dare il via alla tua attività ma non sai da che parte cominciare, richiedi la tua consulenza gratuita ai nostri esperti fiscali. CLICCA QUI PER LA TUA CONSULENZA GRATUITA!