BONUS COLLABORATORI SPORTIVI: LE INDENNITA’ DEL DL SOSTEGNI

1. Introduzione

Il 19 marzo il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Sostegni con una serie di misure e interventi in materia di lavoro. Il testo definitivo del Dl è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 marzo 2021 e, tra le novità più importanti, emerge il nuovo bonus riservato ai collaboratori sportivi. Un’indennità di importo variabile – da un minimo di 1.200 euro fino a 3.600 euro – diviso in tre fasce. Chi può richiederlo e in cosa consiste questa nuova indennità considerando che il dl Sostegni abolisce i codici Ateco come criterio di erogazione bonus?

Il Decreto Sostegni ha riconosciuto una serie di nuovi bonus ai lavoratori, primo tra tutti quello rivolto ai lavoratori sportivi. Il governo Draghi ha deciso di riconoscere ai collaboratori del settore sport un bonus di importo variabile tra i 1.200 e i 3.600 euro, diviso in 3 fasce ed erogato dalla società Sport e Salute, nel limite massimo di 350 milioni di euro per l’anno 2021.

Vuoi ricevere news ed approfondimenti quotidiani a tema fiscale?

2. A chi spetta il bonus sportivi

L’indennità è rivolta ai lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso il Comitato Olimpico Nazionale (CONI), il Comitato Italiano Paraolimpico (CIP), le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva, riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale (CONI) e dal Comitato Italiano Paraolimpico (CIP) e coloro che lavorano presso le società e le associazioni sportive dilettantistiche.

3. Importi del bonus

L’importo del bonus riconosciuto dal Dl Sostegni sarà calcolato sull’ammontare dei compensi percepiti nell’anno 2019 e secondo tre fasce di reddito:

  • 1.200 ai collaboratori sportivi che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura inferiore ai 4mila euro annui;
  • 2.400 ai collaboratori sportivi  che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura tra 4mila e 10mila euro annui;
  • 3.600 ai collaboratori sportivi che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura superiore ai 10mila euro annui.

4. Requisiti di accesso al bonus sportivi

Mentre si attende il testo definitivo del decreto Sostegni – la cui pubblicazione è prevista per la prossima settimana in Gazzetta Ufficiale – è già possibile conoscere i criteri di assegnazione del bonus. Per ottenere l’indennità prevista i collaboratori sportivi devono rientrare in una serie di requisiti, quali:

  • avere un contratto di collaborazione valido al 31 dicembre 2020 presso CONI, CIP o ASD iscritte al registro CONI;
  • aver ridotto o cessato la propria attività di collaborazione in seguito all’emergenza Covid;
  • non aver nessun reddito de lavoro oltre a quello sportivo e non percepire il Reddito di cittadinanza e/o Emergenza;
  • non aver usufruito delle misure del decreto Cura Italia con misure come cassa integrazione o altre indennità erogate dall’Inps;

Ai fini dell’erogazione delle indennità si considerano cessati a causa dell’emergenza epidemiologica anche tutti i rapporti di collaborazione scaduti entro la data del 30 dicembre 2020 e non rinnovati.

5. Come ottenere il bonus collaboratori sportivi

L’erogazione dell’indennità per gli sportivi sarà automatica per coloro che hanno già presentato domanda di accesso a precedenti indennizzi. Potrà fare domanda chi, invece, non ha richiesto i contributi a sostegno del settore nel corso del 2020. Questi ultimi potranno presentare la propria richiesta dal 1 al 15 aprile attraverso l’apposito modello di richiesta che sarà pubblicato sul sito internet Sport e Salute.

La procedura corretta da seguire è riportata sul portale e la società Sport e Salute utilizza i dati dichiarati dai beneficiari al momento della presentazione della domanda nella piattaforma informatica e provvede al monitoraggio del rispetto del limite di spesa e comunica, con cadenza settimanale, i risultati di tale attività all’Autorità di Governo competente in materia di sport e al Ministero dell’economia e delle finanze.

Novella Toloni

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

CLICCA SUL BOTTONE E RICHIEDI LA CONSULENZA GRATUITA CON UN ESPERTO MYACCOUNTING.IT!