7 CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER LE IMPRESE

Sono 7 i provvedimenti a fondo perduto previsti dagli ultimi decreti. Il più importante, ossia il decreto ristori, l’abbiamo già affrontato e puoi rileggerlo nel dettaglio qui: https://www.myaccounting.it/decreto-ristori-nuove-misure-per-attivita/
Andiamo adesso a vedere insieme tutte le nuove misure.

1. CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO DEL DECRETO RISTORI
Come già abbiamo affrontato, saranno previsti aiuti a fondo perduto per ristorazione, bar, gelaterie e i quei settori che, maggiormente, hanno subito e stanno continuando a subire le restrizioni dovute dal nuovo dpcm. Chi già aveva presentato domanda per il contributo a fondo perduto, riceverà un bonifico automatico mentre, coloro che ancora non hanno presentato la domanda, potranno farlo con una procedura valida fino a fine anno che, però, allargherà i tempi per ricevere il contributo di circa due o tre settimane. 

2. CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI
Si parla di circa 730 milioni fra il 2020 e il 2021 che andranno a finanziare i costi delle ore di formazione (con i relativi contributi previdenziali e assistenziali) dei lavoratori. Questo provvedimento sarà dedicato alle aziende che investiranno nella formazione dei dipendenti al fine di dotare proprio i lavoratori, delle competenze più corrette per potersi adattare alle novità organizzative del lavoro. Potranno beneficiare del fondo perduto, tutti i datori di lavoro che entro il 31 dicembre 2020 abbiano stipulato degli accordi collettivi di rimodulazione dell’orario lavorativo con i dipendenti, favorendo, così, percorsi di ricollocazione dei lavoratori stessi.
Il fondo sarà gestito dall’Anpal che, in breve tempo, darà la possibilità di presentare la domanda: i finanziamenti di tale domanda andranno in base all’ordine cronologico, quindi è consigliato ai datori di lavoro che vorranno usufruire del fondo, la tempestività al momento dell’apertura della domanda.

3. CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA FILIERA DELLA RISTORAZIONE
Questo provvedimento riguarda la filiera della ristorazione per quanto riguarda l’acquisto di prodotti sul territorio: a particolari condizioni di calo di fatturato per il quadrimestre Marzo-Giugno2020, c’è un fondo perduto se si acquisteranno prodotti del territorio a valorizzazione della filiera.
(ancora in attesa di provvedimento attuativo)

4. CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER ESERCIZI DI VENDITA DI BENI E SERVIZI
Questo contributo è dedicato agli esercizi di vendita di beni e servizi al pubblico ubicati nei centri storici che hanno subito un significativo calo del fatturato di almeno il 33,33% a paragone con lo stesso periodo dell’anno precedente.
(ancora in attesa di provvedimento attuativo)

5. CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LE IMPRESE OPERANTI NEL SISTEMA DELLE FIERE INTERNAZIONALI
Contributo che sarà parametrato ai costi fissi che sono stati sostenuti dal 1° Marzo 2020.

6. CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LE IMPRESE AGRICOLE
Nello specifico sarà un contributo a sostegno delle imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura.

7.  INTEGRAZIONE DEL DECRETO RISTORI
Dal momento che, nel decreto ristori, sono già stati creati e sono presenti molti fondi, le disponibilità di questi,  verranno aumentate con l’integrazione del fondo a favore degli operatori nel settore turistico, un rifinanziamento per il sostegno delle ASD e Ssd, un rifinanziamento per il sostegno degli operatori della cultura e un’integrazione per il sostegno dei settori dello spettacolo.

Tutti coloro che avevano già presentato una domanda ma non hanno ancora potuto beneficiare dei fondi stanziati, potranno presentare un’istanza alla direzione provinciale territoriale di competenza ai fini di una revisione della domanda precedentemente inviata.

The Legal One 
2/11/2020 – ore 9:00