Il Fisioterapista viene descritto dal Decreto del Ministero della Sanità del 14 settembre 1994 n.741 come: “l’operatore sanitario, in possesso del diploma universitario abilitante, che svolge in via autonoma, o in collaborazione con altre figure sanitarie, gli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori, e di quelle viscerali conseguenti a eventi patologici, a varia eziologia, congenita od acquisita”.

 Per essere abilitati ad esercitare la professione bisogna:

  • Essere in possesso della laurea in Fisioterapia. Il relativo corso di laurea è organizzato dalla facoltà di Medicina e Chirurgia e ha una durata di tre anni.
  • Frequentare un tirocinio formativo di 1300 ore durante tutto il triennio e si svolge presso strutture ospedaliere o extra-ospedaliere.
  • Superare l’esame finale.

 

L’attività del Fisioterapista può essere svolta nella forma della subordinazione o in quella della libera professione.Quest’oggi prenderemo in esame il secondo caso e tutto l’iter per l’apertura della Partita Iva, il codice Ateco corretto, i Contributi Previdenziali ecc.

Partita Iva

Per ottenere il numero di Partita Iva è necessario compilare il modello AA9/12, richiedendolo all’Agenzia delle Entrate o scaricandolo direttamente dal sito di questa.Tra i vari campi da compilare è presente anche quello del Codice Ateco (o Codice di Attività). Nel caso del Fisioterapista quello corretto è 86.90.21 – Fisioterapia.

Regime Fiscalefisioterapeuta

Ad oggi il regime agevolato che permette di risparmiare parecchio in ambito di tassazione è il Regime Forfettario, ma è possibile accedervi solo ed esclusivamente se ne possiedi i requisiti (scopri se possiedi i requisiti: https://www.myaccounting.it/nuovo-regime-forfettario-conviene/).

In caso di esclusione da questo, i soggetti entrano automaticamente nel Regime Semplificato.

Contributi

I Fisioterapisti, rispetto a molti altri professionisti, non hanno una propria cassa di previdenza cui versare i propri contributi. Egli perciò, per avere una copertura previdenziale, dovrà iscriversi obbligatoriamente alle Gestione Separata dell’Inps.

La contribuzione è calcolata sul reddito del soggetto e attualmente, l’aliquota contributiva è del 25,72%. Questo vuol dire che, ad esempio, su un reddito di 10mila euro, i contributi da versare ammontano ad € 2.572,00.

 

 

 

Per ulteriori informazioni non esitare a contattarci, prenota adesso una consulenza gratuita e senza impegno cliccando qui: https://www.myaccounting.it/registrazione/