1. Introduzione

Quanto costa aprire una partita Iva? È una delle domande più comuni ma la risposta è meno semplice di quello che ci si possa immaginare. Prima di vedere nel dettaglio i costi è però necessario fare un passo indietro sul mondo delle partite Iva per capire meglio quali sono tutti gli step da fare per avviare la procedura. 

Sono obbligati ad aprire una partita Iva tutti i lavoratori non dipendenti che svolgano un’attività in forma autonoma come liberi professionisti, imprese di beni o servizi. Tramite la partita Iva i soggetti adempiono così ai propri obblighi fiscali. Le partite Iva possono scegliere tra “regime forfettario”, solo per le ditte individuali, e “regime ordinario” (ordinario o in contabilità semplificata), per ditte individuali o società. 

Vuoi ricevere news ed approfondimenti quotidiani a tema fiscale?

2. Aprire una partita Iva: i costi

Una volta individuata la categoria del regime fiscale in base al proprio settore di attività è possibile procedere con l’apertura della partita Iva.

Quali sono i costi da sostenere?

In tal caso vi è da fare una distinzione tra apertura presso la Camera di Commercio (per i commercianti e gli artigiani) e l’apertura solo presso l’Agenzia delle Entrate.

Nello specifico, i costi relativi all’istruzione in Camera di Commercio sono i seguenti:

  • Diritti di segreteria 18€
  • Marca da bollo 17,50€
  • Diritto Camerale sezione ordinaria 120€ fino a 100mila€ di fatturato, oltre varia in base al fatturato
  • Diritto Camerale sezione speciale 44€ o 53€ 

Se per questi primi passaggi i costi non variano in base al regime fiscale, è nella gestione della partita Iva che troviamo non poche differenze. 

3. Regime forfettario

Per quanto riguarda il regime forfettario è prevista l’applicazione di un’aliquota sostitutiva all’Irpef al 5% per i primi 5 anni a determinate condizioni (start-up) salendo poi al 15% dal sesto anno. In caso di assenza di tali condizioni l’aliquota sarà fissata fin dal primo anno al 15%. I contributi INPS per i professionisti iscritti alla Gestione Separata ammontano al 25,72% di quanto fatturato, per gli iscritti alla Camera di Commercio è possibile chiedere lo sgravo dei contributi fissi pari al 35% se viene adottato il regime agevolato. Infine: il regime forfettario è esonerato dall’obbligo di fatturazione elettronica e non è soggetto ad Iva (per altre informazioni clicca qui).

4. Regime ordinario in contabilità semplificata o ordinario

Per quanto riguarda il “regime ordinario”, come abbiamo già visto la differenziazione riguarda le imposte di gestione che in questo caso saranno quelle appunto ordinarie. 

Eccone un elenco: costi di iscrizione alla Camera di Commercio (presenti anche per alcune categorie di attività del regime forfettario), Irpef, Inps (gestione separata o cassa professionale), Irap o Ires, Iva (imposta sul valore aggiunto calcolata sull’imponibile di ogni fattura emessa), gestione fatturazione elettronica. Il regime ordinario può essere “in contabilità semplificata” se il ricavo è inferiore ai 400mila € per le attività di prestazione di servizi o dei 700mila € per le altre attività.

5. Precisazione iscrizione Inps: gestione separata o cassa professionale?  

Non per tutte le categorie di lavoratori autonomi esiste una Cassa Previdenziale Professionale, pertanto l’unica alternativa (obbligatoria) è l’iscrizione alla Gestione Separata Inps. In questo caso le aliquote variano a seconda dell’attività dal 24% al 25,72%.

Per quanto detto fino a qui è assolutamente consigliabile farsi accompagnare nell’apertura e nella gestione della partita Iva, che sia a “regime forfettario” o “regime ordinario” (ordinario o in contabilità semplificata), da un consulente esperto.

Richiedi una consulenza gratuita

Con MyAccounting.it puoi aprire una partita iva senza rischiare di commettere errori. Riceverai supporto durante l’intera procedura di avvio dell’attività e avrai un consulente a te dedicato pronto a fornirti aiuto e informazioni in qualsiasi momento. Richiedi la tua consulenza gratuita.

Veronica Boggian

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

CLICCA SUL BOTTONE E RICHIEDI LA CONSULENZA GRATUITA CON UN ESPERTO MYACCOUNTING.IT!