RESIDENZA FISCALE, LA REGOLA DEI 183 GIORNI

Trasferirsi all’estero non basta. La residenza infatti, è determinata da vari fattori quali gli interessi e, per esempio, anche le relazioni. Cerchiamo quindi di capire insieme, i concetti di residenza e domicilio fiscale.

1. RESIDENZA FISCALE


Prima di tutto, l’art 2 comma 1 e comma 2 del TUIR stabiliscono che “sono considerati soggetti passivi d’imposta le persone fisiche, residenti e non residenti nel territorio dello Stato. Ai fini delle imposte sui redditi si considerano residenti le persone che per la maggior parte del periodo d’imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del Codice civile”.
E’ necessario quindi, fare chiarezza e capire la distinzione tra domicilio e residenza: è detto domicilio il luogo in cui una persona ha stabilito la sede principale dei propri affari e dei propri interessi morali, familiari o sociali; per residenza invece, si intende la permanenza stabile in un determinato luogo, con l’intenzionalità di rimanervi.
Vengono considerati residenti anche i cittadini italiani cancellati dall’anagrafe italiana ma si sono trasferiti in territori a fiscalità privilegiata, tant’è che l’art.2 comma 2-bis del TUIR, recita: “si considerano altresì residenti, salvo prova contraria, i cittadini italiani cancellati nelle anagrafi della popolazione residente ed emigrati in Stati o territori avente un regime fiscale privilegiato, individuati con decreto del Ministero delle finanze da pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale”.

Quindi, se ci rechiamo in un territorio con fiscalità non privilegiata l’amministrazione finanziaria dovrà dimostrare l’effettiva residenza, in caso contrario, quindi in un paese con fiscalità privilegiata, si dovrà dimostrare personalmente all’amministrazione finanziaria che si è residenti in quel determinato paese.
 La residenza fiscale viene riconosciuta quindi si, quando per la maggior parte del periodo dell’anno (e cioè per più di 183 giorni) ci troviamo in un determinato paese, ma il soggetto dovrà anche soddisfare i seguenti requisiti:

  • Il possesso di un’abitazione.
  • Gli interessi vitali: relazioni personali ed economiche, relazioni familiari, sociali, occupazionali, culturali e politici.
  • Il luogo in cui abitualmente si soggiorna.

Ad ogni modo, l’Agenzia delle Entrate provvederà ad effettuare i controlli dovuti sulla residenza del soggetto, anche a mezzo di verifiche incrociate con le autorità estere dove necessario. Se vuoi saperne di più, puoi guardare il video che trovi di seguito dove, l’Avv. Carlo Alberto Micheli nella sua rubrica “the legalo one”, affronta l’argomento nel dettaglio.

2. GUARDA IL VIDEO DELL’AVV. MICHELI

The Legal One 
26/11/2020 – ore 9:00

3. RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

CLICCA SUL BOTTONE E RICHIEDI LA CONSULENZA GRATUITA CON UN ESPERTO MYACCOUNTING.IT!