SUPER ECOBONUS 110% E ALTRI 5 BONUS PER RISTRUTTURARE CASA NEL 2021

E’ possibile ristrutturare i propri immobili attraverso le opportunità che ci vengono concesse con l’applicazione dei bonus. Il più famoso è il super ecobonus 110%, ma le possibilità sono varie ed è importante conoscerle in modo da poterle sfruttare al meglio. Ci sono delle variabili da valutare, tra cui la percentuale di detrazione, il tetto di spesa previsto da alcuni bonus per determinati interventi, la durata dell’ammortamento, la scadenza prevista per alcuni di bonus ed infine la tipologia degli interventi ammissibili. Sulla base di questo, sarà possibile scegliere le agevolazioni più adatte alle proprie esigenze.

SLIDE-fiscal-time-2-1

1. SUPER ECOBONUS 110%

Il super eco bonus 110% è dedicato ai lavori in grado di aumentare l’efficienza energetica e la messa in sicurezza dell’immobile in cui si vive o che si possiede; sarà quindi possibile ottenere un rimborso fiscale del 110% nei cinque anni successivi.
Al termine dei lavori svolti, l’immobile dovrà aver guadagnato due classi energetiche e, nel caso in cui non fosse possibile, il conseguimento della classe energetica più alta. Qualora questo non si verificasse,  non sarà possibile usufruire del bonus.
La norma distingue, inoltre, tra lavori trainanti (ossia quelli che determinano il diritto ad ottenere l’agevolazione) e lavori trainati (e cioè quei lavori che danno diritto al bonus 110% solamente se effettuati contestualmente a uno dei lavori trainanti).

Possono accedere al super ecobonus le persone fisiche al di fuori dell’esercizio di arti e professioni, i condomini, gli IACP e assimilati, le cooperative a proprietà indivisa, le organizzazioni no profit e anche le società sportive dilettantistiche. Nel caso di possesso di più unità immobiliari e di lavori che interessino le abitazioni e non le parti condominiali, la detrazione spetterà solamente a due unità.

Per approfittare del super ecobonus ci sarà tempo fino al 31 Dicembre 2021, con una proroga che riguarda solo le operazioni effettuate dagli istituti autonomi per le case popolari, prevista al 30 Giugno 2022.
Da considerare per le persone fisiche, che il 31 Dicembre 2021 rappresenta la data entro il quale è necessario aver effettuato i dovuti pagamenti per cui si richiede l’agevolazione.

 Da ricordare, inoltre, che il contributo è previsto del 160% per quanto riguarda le aree colpite dai terremoti del 2009 e del 2016.

2. ECOBONUS STANDARD

L’ecobonus standard, agevola sempre gli interventi di efficientamento energetico, non ha  tetti spesa ma prevede tetti di detrazione, potendo quindi detrarre una percentuale che varia dal 50% all’85% a seconda dell’intervento che si decide di svolgere, sull’intervento stesso.
Il tempo di ammortamento fiscale, a differenza del super ecobonus, è di 10 anni e le regole risultano essere senza dubbio meno stringenti in quanto non è presente la necessità di guadagnare due classi energetiche o di compiere lavori trainanti.

Possono usufruire di questa agevolazione anche le imprese, tant’è che l’applicabilità è per qualsiasi immobile e qualsiasi contribuente, in quanto, tale agevolazione, è su Irpef ed Ires, rendendo così la platea di potenziali utenti che possono accedere a questo bonus, molto più ampia rispetto alla versione potenziata del super eco bonus 110%.

3. BONUS FACCIATE

L’agevolazione del bonus facciate è stata introdotta con la Finanziaria del 2020 e prevede una detrazione del 90% in 10 anni per le spese effettuate riguardanti la tinteggiatura delle zone opache e il ripristino delle facciate, sia per gli edifici residenziali che per quelli non residenziali.

4. BONUS RISTRUTTURAZIONE

Il bonus ristrutturazione risulta essere quello più “anziano” tra i bonus, in quando è presente dal 1996 e, fino al 31 Dicembre prossimo, prevede una detrazione fiscale del 50% in 10 anni, che verrà calcolata su un tetto massimo di 96mila euro
Nel caso in cui non venisse prorogata nella misura attuale, il tetto e l’agevolazione scenderanno rispettivamente di 48mila euro e al 36%.

5. BONUS ARREDI

Il bonus arredi è dedicato a chi compra arredi o grandi elettrodomestici ad alta efficienza, con un bonus del 50% su un tetto da 10mila euro da spalmare in 10 anni.
Nel momento in cui si voglia usufruire di questa agevolazione, basterà seguire tutte le prescrizioni previste per pagare con il bonifico speciale dedicato a queste situazioni, accordandosi con il fornitore.

6. BONUS VERDE

Questo tipo di agevolazione, anche se minore, restituisce il 36% in 10 anni su un tetto di 5mila euro per quanto riguarda la sistemazione di aree scoperte private di edifici già esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione, realizzazione di pozzi, giardini pensili e di coperture a verde.
Come per il bonus precedente però, non è prevista la cessione del credito, pertanto, il vantaggio fiscale risulta essere di 180 euro l’anno.

7. GUARDA IL VIDEO DELL’AVV. MICHELI

Questi erano i bonus per poter ristrutturare la casa ma, se vuoi saperne di più, guarda il video dell’Avv.Carlo Alberto Micheli dove, nella sua rubrica The Legal One, approfondisce l’argomento legato alle agevolazioni.

The Legal One
17-12-2020 ore 9:00

8. RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

CLICCA SUL BOTTONE E RICHIEDI LA CONSULENZA GRATUITA CON UN ESPERTO MYACCOUNTING.IT!